Ti trovi in:

Giuria e vincitori

Immagine decorativa

 

Nei giorni 8 agosto e 15 settembre 2014, presso la sede della Comunità Alta Valsugana e Bersntol, si è riunita la giuria esaminatrice per la valutazione degli elaborati pervenuti relativi al concorso di poesia “Un calamaio per la pace”, rivolto alle scuole e alla cittadinanza del territorio, e correlato alla Giornata Mondiale della Poesia indetta dall’UNESCO.

 

La particolarità del concorso, che ha visto l’adesione di 810 partecipanti,  è stata quella di aver invitato gli scriventi a realizzare il proprio elaborato utilizzando un kit composto da penna, inchiostro, calamaio, carta pergamena e sigillo in ceralacca.

 

Dopo l’incontro preliminare dell’8 agosto 2014, su richiesta della giuria, tutti gli elaborati sono stati trascritti in formato testo digitale, grazie ad alcuni volontari, così da garantire il completo anonimato e una maggiore leggibilità in fase di valutazione.

 

Il 15 settembre 2014, la giuria composta dagli scrittori:

Francesco Roat, Walter Vettori, Maddalena Bertolini, dopo un attento esame degli elaborati pervenuti, con giudizio unanime ha stabilito le valutazioni esposte nel verbale di premiazione, scaricabile al link riportato più sotto in formato pdf.

 

Note bio-bibliografiche dei componenti della giuria:

 

 

Immagine decorativa

Francesco Roat

narratore, saggista e critico letterario trentino, già insegnante di lettere nella Scuola Secondaria e consulente editoriale, si occupa di cultura su quotidiani, settimanali e riviste (suoi interventi sono apparsi su: L’Adige, L’Alto Adige, Avvenimenti, Carta, Caffè Europa, Cafè letterario di Alice, Che libri, Diario, Il Manifesto, Il Mucchio selvaggio, Il Nuovo, Il Sussidiario, Il Trentino, Inchiostro, Leggere, Liberazione, Liberal, L’Immaginazione, L’Indice, Linea d’ombra, L’Unità, Nautilus, Pickwick, Pulp, Stilos, Web Magazine, Wuz).

Ha pubblicato il libro di racconti Traguardo (Argo), i romanzi: Una donna sbagliata (Avagliano), Amor ch’a nullo amato (Manni), Tre storie belle (Travenbooks), I giocattoli di Auschwitz (Lindau), Hitler mon amour (Avagliano); i saggi: L’ape di luglio che scotta, Anna Maria Farabbi poeta (Lietocolle), Le Elegie di Rilke tra angeli e finitudine (Alpha-Beta), La pienezza del vuoto, Tracce mistiche negli scritti di Robert Walser (Vox Populi). A gennaio del 2015 verrà pubblicato il nuovo saggio: Desiderare invano. Il mito di Faust in Goethe e altrove (Moretti&Vitali)

Il suo romanzo Tre storie belle, recentemente tradotto in tedesco, è stato presente all’ultima Fiera del Libro di Francoforte. L’autore sta inoltre curando per l’Ed. Lietocolle una nuova traduzione delle Poesie della torre, di Hoelderlin.

 

 

Immagine decorativa

 

Walter Vettori

nasce a Trento nel 1965, dove risiede nel sobborgo di Meano, e lavora come funzionario presso il Dipartimento della Conoscenza della Provincia Autonoma di Trento. Nel 2001 fonda, assieme ad altri cinque poeti, il gruppo poetico Elianto 2001, con il quale pubblica la silloge Il pianoforte, inserita nell’antologia poetica Aneliti di sole.

Nel 2006 pubblica per la collana Poesia della casa editrice Curcu & Genovese il poemetto 78  Giri, vincitore con la lirica Il pescatore di Salò della Vª Edizione del Concorso Internazionale Prosa e Poesia “L’Arcobaleno della vita” (Città di Lendinara). Sempre con 78 Giri si classifica al terzo posto al Premio Internazionale “Cinque Terre-Ettore Cozzani” XXIII Edizione. Sempre per la stessa collana esce nel 2010 La pietra di San Martino, omaggio dell’autore alla sua città natale.

Successivamente, sotto il marchio Spettacolo e Culture, è coautore con il musicista Marco Latino, dello spettacolo multimediale La pietra di San Martino, tratto dall’omonimo poemetto dell’autore. Nel 2011 il duo Vettori-Latino produce una nuova esperienza di musica e parole dal titolo Estate. L’ultimo evento prodotto da “Spettacolo e Culture” , Voci della città, vede consolidarsi il binomio Vettori-Latino, presentato all’edizione 2012 del Trentino Book Festival.

Nel giugno del 2014 per le Edizioni “Galassia Arte” ha pubblicato l’ultimo lavoro poetico dal titolo Il pavone bianco (la storia della redenzione di una vita dissipata, attraverso la ricerca della bellezza).

 

 

Immagine decorativa

 

Maddalena Bertolini

nata a Trento, risiede a Pergine Valsugana.

Collabora con la rivista ClanDestino e con il quotidiano online Il Sussidiario.

Ha pubblicato da Guaraldi Le mani nelle donne (1995) saggio, Lividi dentro (1996) romanzo breve, Storie comunque di madri (2005) raccolta di tre romanzi brevi. Da Raffaelli in Collana Nera è uscito nel 2009 il suo primo libro di poesia Le mani delle parole, con Marietti nel 2011 Comunque padri, raccolta di tre romanzi brevi.

Con il libro una, collana “Le Perle”, di Ladolfi Editore, ha vinto la sezione poesia del premio InediTO 2012, Colline di Torino.

 

Premiazione

La premiazione del concorso si svolgerà lunedì 6 ottobre 2014 alle ore 14, presso la Sala polifunzionale comunale a Civezzano (via Telvana 6, ultimo piano dell'edificio scolastico della scuola primaria).

Nell’occasione si celebrerà, per la prima volta in provincia, la Giornata Mondiale degli Insegnanti World Teachers’ Day, indetta dall’UNESCO, che in questo 20° anniversario dalla sua istituzione avrà come tema: “Investire nel futuro, investire negli insegnanti”.

 

Si invitano i vincitori delle varie categorie a partecipare alla premiazione.

 

 Nota: la commemorazione della ricorrenza (che cade il 5 ottobre ed è stata istituita nel 1994) verrà posticipata di un giorno in quanto nella giornata di domenica le scuole non sono in attività.

 

La Giornata Mondiale degli Insegnanti, rappresenta un momento di consapevolezza, comprensione e apprezzamento relativo al fondamentale contributo portato dagli insegnanti all’educazione e allo sviluppo globale. Il titolo della campagna internazionale correlata alla ricorrenza per il 2014 è: Uniti per la qualità dell’Istruzione, con lo slogan “migliore istruzione per un mondo migliore”.

 

Ulteriori approfondimenti sulla ricorrenza verranno riportati attraverso un’apposita pagina nel sito della Comunità al link riportato sotto:

Giornata Mondiale degli Insegnanti World Teachers’ Day

 

“Un calamaio per la pace” è un progetto a cura di Luca Brunoro, promosso dalla Commissione Istruzione e Politiche Sociali della Comunità, presieduta da Tullio Campana, e dalla vicepresidente della Comunità Michela Parisi; con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO.

Home page progetto “Un calamaio per la pace”


Si ringrazia la Cassa Rurale di Pergine per il contributo a favore dell'iniziativa.