Ti trovi in:

Home » Aree Tematiche » Socio - Assistenziale » Chi può accedere

Chi può accedere al Servizio

Il Servizio Socio Assistenziale offre aiuto e sostegno alle persone che si trovano in situazioni di bisogno e di svantaggio personale e sociale.

Possono fruire degli interventi socio-assistenziali:

  • i cittadini dell'Unione Europea, gli stranieri e gli apolidi,  con residenza anagrafica nei Comuni della Provincia di Trento;
  • i cittadini dell'Unione Europea, gli stranieri e gli apolidi, che si   trovano  occasionalmente sul territorio della Provincia di Trento, purché siano in situazione di bisogno tale da esigere interventi non differibili e non sia possibile indirizzarli  ai corrispondenti servizi della Provincia/Regione di provenienza o dello Stato di appartenenza;
  • per alcuni interventi è necessario avere il requisito di 3 anni di residenza anagrafica continuativa in un  Comune  della Provincia di Trento.

Il Servizio Socio Assistenziale si colloca all’interno di un sistema di soggetti, pubblici e privati, sociali sanitari educativi e giuridici che a vario titolo operano nel settore, e precisamente:

  • la Provincia Autonoma di Trento
  • i Comuni
  • i servizi di altri enti pubblici ( ad esempio sanità, scuola, etc.)
  • le A.P.S.P.
  • le organizzazioni senza fini di lucro (associazioni, fondazioni, cooperative sociali, etc.)
  • il volontariato singolo ed organizzato
  • la famiglia

L’attivazione del Servizio può avvenire da parte dell’utenza in maniera spontanea, su invio di terzi o su prescrizione dell’Autorità Giudiziaria.

Il Servizio Socio Assistenziale offre supporto al singolo individuo e/o al nucleo familiare di appartenenza per far fronte a bisogni primarie e di socialità.

Lo stato di bisogno si manifesta attraverso almeno una delle seguenti condizioni:

  • insufficienza della condizione economico - patrimoniale familiare, in rapporto alle esigenze minime vitali di tutti i membri del nucleo, qualora non vi siano altre persone tenute ad intervenire a norma di legge, o che di fatto provvedano, all'integrazione della condizione stessa;
  • disabilità psico/fisico/sensoriale ovvero incapacità totale o parziale di un soggetto, per effetto della quale lo stesso non sia in grado di provvedere ai propri bisogni e il relativo nucleo familiare non possa assicurare un'adeguata assistenza;
  • presenza di difficoltà di ordine psicologico, sociale, culturale, relazionale, anche  al di fuori dei casi di cui sopra, a causa delle quali persone singole o nuclei familiari si trovino in situazioni di particolare bisogno, anche di carattere affettivo - educativo, o siano esposti al rischio di emarginazione;
  • sottoposizione di un soggetto a provvedimento dell'autorità giudiziaria che imponga o renda necessari interventi e prestazioni socio-assistenziali.

 

Le politiche sociali in Trentino sono state riformate con la Legge Provinciale n. 13/2007, prevedendo l'attivazione di un sistema territoriale integrato di servizi e di interventi sociali.

In attesa della piena attuazione della Legge Provinciale n. 13/2007,  laddove non diversamente definito, permane in vigore la Legge Provinciale n. 14 dd. 12 luglio 1991.

Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?